Google Adwords è senza dubbio una delle strade migliori per pubblicizzare la propria attività in rete e portare un numero cospicuo di visitatori sulle proprie pagine web. L’efficienza degli algoritmi di Google consente di dirottare sul proprio sito un traffico altamente targettizzato. Nonostante tale passaggio sia fondamentale si tratta solo del primo passo.

Una volta attratto un navigatore, bisognerà indurlo a compiere delle azioni come la registrazione o l’acquisto (a seconda della tipologia di sito).

Per aumentare al massimo il numero di conversioni tra visitatori ed utenti attivi occorre che il sito sia studiato su misura per agevolare nel migliore dei modi sia l’interazione da parte degli utenti sia la gestione da parte degli amministratori. Naturalmente il primo aspetto di cui bisogna tener conto è senza dubbio l’interfaccia grafica e la cosiddetta user experience da parte dei visitatori. Il sito dovrà avere un layout chiaro e semplice da navigare. I vari elementi saranno disposti in maniera tale da essere facilmente raggiungibili e configurati in modo da richiamare l’attenzione dell’utente nelle sezioni che desideriamo maggiormente.

Nulla deve essere lasciato al caso. Il sito web deve essere privo di link in sospeso, parti mancanti o del tipo “work in progress”. Deve suggerire immediatamente un’idea di professionalità e serietà in maniera da conquistare velocemente la fiducia degli utenti. Altro fattore chiave da curare con il massimo dell’attenzione è la questione dell’hosting. Spesso per risparmiare sui costi ci si affida a provider che offrono un servizio non certo eccezionale. Nel caso si decida di partire con un hosting condiviso almeno bisognerebbe accertarsi che il server sia in grado di affrontare picchi di traffico senza particolari problemi.

Analoga importanza è rivestita dalla velocità di caricamento delle pagine. Se si decide di affidarsi ai noti CMS (es. WordPress o Joomla), è buona norma installare dei plug-in di caching in modo da rendere disponibili le pagine appena richieste minimizzando il più possibile i tempi di caricamento e rendere l’esperienza utente veloce e reattiva.

Infine, è d’obbligo installare un servizio di monitoring del traffico. Senza dubbi il migliore è Google Analytics. Una volta iscritti al servizio ed installato il relativo script si ha un monitoraggio a 360° del traffico delle proprie pagine web. E’ possibile analizzarlo in base a numerosi fattori quali la provenienza geografica, il tempo di permanenza medio, il link di provenienza, etc. Un tool eccezionale che non può mancare per qualsiasi webmaster che voglia tenere sotto controllo l’andamento delle visite del proprio sito web.

Sei interessato a Google Adwords? Iscriviti alla newsletter